Ru486, le regole in Sardegna

Nel giorno in cui in Italia la pillola abortiva è stata ufficialmente somministrata per la prima volta, è intervenuto l’assessore regionale alla Sanità Antonello Liori per tracciare le linea guida per il suo corretto utilizzo: in Sardegna la Ru486, ha detto, sarà somministrata in regime di ricovero ordinario, con un minimo di tre giorni di degenza nelle strutture ospedaliere

Lo ha annunciato l’assessore regionale della Sanità, Antonello Liori, a margine di una conferenza stampa sui finanziamenti per il contrasto alla povertà. “L’iter è quello stabilito dal ministero con una circolare esplicativa sulla base del parere del Consiglio superiore di Sanità – ha chiarito l’assessore – i pareri personali, io stesso sono antiabortista, contano poco perché siamo in uno Stato laico. In questi giorni il direttore generale dell’ assessorato sta inviando alle Asl e alle Aziende miste queste direttive ma non credo – ha aggiunto Liori – che la pillola sia già disponibile in Sardegna e dovrà quindi essere ordinata”.

Ru486, le regole in Sardegnaultima modifica: 2010-04-07T20:15:00+02:00da ro-by7
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento