“In ogni attività la passione toglie gran parte della difficoltà” Erasmo da Rotterdam

…può essere che ci piacciano cose che non siamo in grado di fare, possiamo restare affascinati da eventi, da letture, da attività che non comprendiamo o non crediamo possano travolgerci….questo è possibile…ma le PASSIONI….quelle che fanno battere il cuore, che eccitano, che tolgono il fiato, che fanno brillare gli occhi, che scatenano l’adrenalina…quelle possono mai andare contro la nostra natura?….questo non credo sia possibile! Forse possono sembrarci più grandi di noi, forse dobbiamo imparare a gestirle, ma le possiamo vivere.  Non credo ci si possa appassionare a qualcosa che va aldilà della nostra capacità di viverla. No?

“In ogni attività la passione toglie gran parte della difficoltà” Erasmo da Rotterdamultima modifica: 2010-03-15T17:31:00+01:00da ro-by7
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su ““In ogni attività la passione toglie gran parte della difficoltà” Erasmo da Rotterdam

  1. My darlin’… Liberare il corpo dalla passione io credo faccia parte della nostra natura, e che sia un’esperienza non solo necessaria e inevitabile ma anche praticabile numerose volte per esperimento. Probabilmente il tentativo non riesce finchè il corpo patisce.
    Eppure vale la pena provare.
    Non penso, assieme a te, che sia possibile patire per qualcosa che non si conosce.
    L’appassionato ha un’intima esperienza della passione che lo brucia, conosce bene la scintilla che ha cagionato il danno! E poi sai bene che chi non sa, non soffre o non sa di soffrire.
    Concludo scrivendoti che se la passione è inevitabile, credo si tratti piuttosto di scegliere il cammino della propria passione per poter conoscere appieno sè stessi e la fonte di cotanta emozione.
    Ma l’afflato vitale, sia esso gioia o sofferenza, questa vibrazione cosmica… non è essenza di vita? Non è entusiasmante anche il solo percepirla?

Lascia un commento